Di Paolo Becchi su Libero, 11/01/2017


Inutile raccontare quello che è successo in questi giorni all’interno del M5s. È su tutti i giornali e la rete impazza. Per dirlo in breve: la classica figura de mierda. Grillo cerca di diventare la escort di Verhofstadt e di Monti, ma il prezzo è troppo alto e l’accordo salta.

Ora, che il Movimento fosse cambiato lo sostengo da tempo, confesso a volte speravo di essermi sbagliato, speravo di poter dire di aver esagerato con le mie critiche. Ma quello che è successo in questi giorni supera ogni previsione: vendersi a Bruxelles per un piatto di lenticchie, sperando di ottenere in cambio qualche posto di prestigio, qualche poltrona in qualche commissione di rilievo e per avere più finanziamenti. Tutto qui. In Italia contro le poltrone, le alleanze e il finanziamento pubblico, ma in Europa pronti ad allearsi con il diavolo pur di avere in cambio qualche poltrona e di intascare i soldi di Bruxelles.

E il tutto deciso in barba a qualsiasi trasparenza. Lasciamo pure perdere lo streaming, qui la decisione è stata presa dalla Casaleggio & Associati con l’imprenditore Borrelli deputato al Parlamento europeo, senza che neppure gli altri parlamentari sapessero qualcosa della votazione sul blog. Le logge massoniche sono più democratiche. La votazione in rete si è trasformata in una farsa, tutto era già stato concordato, male a quanto pare. D’altronde facessero votare oggi il suicidio collettivo degli iscritti anche quella decisione verrebbe approvata. Un disastro di immagine, per un Movimento che era nato dalla rete e voleva sfruttare tutte le sue potenzialità democratiche.

Ma almeno le cose sono diventate chiare. Il M5s è oltre la destra e la sinistra solo nel senso che è diventato un partito di centro che aspira in Italia a sostituire il Pd al governo per fare le stesse cose, o forse ancora peggio. Dal momento che è privo di una classe dirigente, non è escluso che un governo pentastellato ci porti Mario Monti al ministero dell’Economia e Oscar Giannino a quello del lavoro.

Proprio mentre in Europa soffia un forte vento euroscettico, Grillo, per un pugno di euri in più, si mette controvento. Un errore politico pazzesco. Le elezioni politiche, anche se non sono dietro l’angolo, si avvicinano. Per una forza politica autenticamente sovranista-identitaria si aprono praterie infinite.

P.S. Dopo la figuraccia c’era il rischio di rimanere senza un becco di un quattrino, tra gli indipendenti, al di fuori di ogni Gruppo, ed ecco allora la decisione di ritornare di nuovo nel gruppo degli euroscettici, come se niente fosse successo. Insomma la cosa più importante non sono i princìpi, ma gli Euri…

Resta una domanda retorica: ma la rete che ha votato contro Farage non doveva essere consultata per l’immediato ritorno nel suo gruppo?

Annunci