Intervista a Paolo Becchi su Lo Speciale, 21/01/2019


«Sembrerà strano: amo la politica ma preferisco farla fuori dalle istituzioni. Non mi candiderò quindi alle Europee. Sto vedendo che si può incidere anche dal di fuori». Lo ha ribadito Alessandro Di Battista ospite di Fabio Fazio nel salotto di Chi Tempo Che Fa, smentendo così ancora una volta le voci che lo davano di ritorno dall’America Latina per buttarsi a capofitto nella battaglia delle europee di maggio. Battaglia che a quanto pare lo vedrà in prima linea, ma a supporto del M5S e non come candidato. Non sono mancati durante la serata gesti eclatanti come quello di stracciare in diretta una copia del Franco coloniale, la moneta francese ancora in vigore nelle ex colonie dell’Africa. E poi stoccate all’alleato di governo, la Lega, su Tav definita opera inutile, e sui 49 milioni che il Carroccio secondo i giudici dovrebbe restituire allo Stato. Abbiamo commentato il tutto con il filosofo sovranista Paolo Becchi, un tempo molto vicino al M5S e quindi profondo conoscitore dei meccanismi di comunicazione tipici dei grillini. LEGGI ANCHE EDITORIALE DI FABIO TORRIERO

→LEGGI L’INTERVISTA←