Intervista a Paolo Becchi su Lo Speciale, 06/05/2019


“Gli amici del M5s pesino le parole. Se dall’opposizione le critiche sono ovvie, da chi dovrebbe essere alleato no. A chi mi attacca dico tappatevi la bocca, lavorate e smettete di minacciare. E’ l’ultimo avviso”. Matteo Salvini è categorico, stavolta non sembra andarci troppo per il sottile, e all’alleato di governo che ormai da settimane sta sparando a zero sul “caso Siri” chiedendo ripetutamente le dimissioni del sottosegretario leghista indagato per corruzione, fa capire chiaramente che la pazienza sta per finire. La tensione è altissima in previsione del Consiglio dei ministri di mercoledì dove le dimissioni di Siri saranno messe sul tavolo. Cosa accadrà? E soprattutto, cosa avverrà dopo le Europee? Abbiamo fatto il punto della situazione con il filosofo sovranista Paolo Becchi, che a Salvini sta consigliando da giorni di non mollare.

→LEGGI L’INTERVISTA←